Perché tingersi i capelli di verde (e farlo al più presto!)

Inserito da Categorie: Bellezza e biocosmesi
Perché tingersi i capelli di verde (e farlo al più presto!)

No, non si tratta di sfoggiare chiome degne di un personaggio del film Avatar… . Non è quello il “verde” al quale mi riferisco… Si tratta invece di riacquisire la consapevolezza di ciò che ci spalmiamo addosso quotidianamente, in maniera che possiamo prenderci cura del nostro corpo (e delle nostre chiome) nel pieno rispetto di noi stessi e del pianeta. È la “rivoluzione verde” che auspichiamo in tanti ormai, quella cui mi riferisco. Una rivoluzione condotta senza far rumore, senza scendere in piazza e senza protestare, ma compiendo invece ogni giorno, gradualmente, un piccolo personale cambiamento per migliorare la nostra vita e dare un piccolo, grande contributo per la salvaguardia di questo meraviglioso pianeta Terra e delle sue creature.

“E che c’entrano i capelli?” vi chiederete… C’entrano nella misura in cui iniziamo a prendere coscienza che le nostre toilette sono spesso piene zeppe di prodotti non molto benefici e per la nostra salute e per quella del pianeta. Avete mai sentito parlare per esempio dei siliconi? Se leggete una qualsiasi etichetta di un prodotto per capelli della grande distribuzione, troverete molto probabilmente riportati nomi quali silicone, dimethicone, oppure altri impronunciabili come cyclopentasiloxane… Bene, son proprio quelli. I siliconi vengono aggiunti a man bassa in questi prodotti perché conferiscono una texture setosa e rendono i capelli lucenti in poco tempo. La promessa di capelli sani e splendenti, slogan che spesso accompagna le confezioni dei cosmetici sugli scaffali, viene pertanto mantenuta. Ma… Sarà davvero così??

In realtà tali sostanze di sintesi creano una sorta di barriera sul fusto del capello, impedendone la giusta idratazione. Si crea una pellicola che difficilmente viene via con un prodotto delicato per il lavaggio, tanto che chi decide di passare dagli shampoo commerciali agli shampoo ecobio si trova a dover affrontare con pazienza un periodo di detossificazione dai siliconi, di durata variabile da persona a persona, in cui l’aspetto dei capelli appare visibilmente peggiorato, e i capelli sembrano sempre sporchi. Non solo, ma si tratta tra l’altro di sostanze completamente non biodegradabili, che quindi restano nelle acque provocando danni di cui purtroppo ancora non ci rendiamo bene conto.

Oltre ai siliconi, non dimentichiamo che va prestata la massima attenzione alle etichette, per evitare che il prodotto che stiamo per acquistare contenga altri ingredienti di origine petrolchimica, la cui pericolosità o totale non biodegradabilita’ nel lungo termine è stata ormai ampiamente dimostrata: scarti della lavorazione del petrolio (paraffinum liquidum, uno tra tutti), parabeni (conservanti ad azione estrogeno-simile, distruttori ormonali), cessori di formaldeide (metylchloroisotiazolinone, per esempio). Sempre più persone poi lamentano la comparsa ad allergie e sensibilizzazioni, delle quali i principali imputati sono sicuramente i profumi e i coloranti di sintesi.

E allora, come intraprendere questa rivoluzione “green”? Come “tingerci le chiome di verde”?

Privilegiando le aziende virtuose, che sono per fortuna sempre più numerose e che propongono prodotti realizzati con materie prime 100% naturali e biodegradabili. Ma l’alternativa che io personalmente preferisco è quella di autoprodurre in casa tutto ciò di cui ho bisogno, shampoo compreso!! Dopo la prima fase di passaggio da commerciale ad ecobio un po’ difficile, i risultati in termini di miglioramento dell’aspetto dei capelli sono garantiti, e inoltre si risparmiano ogni anno centinaia e centinaia di euro, che posso quindi investire selezionando le materie prime naturali migliori per l’autoproduzione!

Alcuni consigli per facilitare il periodo di detossificazione dagli shampoo commerciali: acquista uno shampoo ecobio, usalo diluendone una noce ogni volta in un po’ d’acqua, non esagerare con i lavaggi! Basta una volta a settimana, normalmente. Prima dello shampoo, nutri i capelli con dell’olio di cocco, che li idrata e li rafforza, essendo un concentrato di vitamina E ed acidi grassi essenziali, mescolato in pari quantità con l’aloe vera, che li idrata e li rinforza.

Puoi alternare lo shampoo ecobio ad uno shampoo naturale fatto in casa, per esempio una ricetta molto efficace prevede come ingrediente base la farina di ceci, mescolata con acqua, miele e aceto di mele a formare una pappetta (proporzioni: 2 cucchiai di ciascun ingrediente e acqua quanto basta). Che ci crediate o no, la farina di ceci, l’ingrediente base della farinata ligure, è ricca di saponine, tensioattivi naturali che detergono delicatamente il capello ed esercitano anche un leggero scrub sul cuoio capelluto, rimuovendone le impurità e l’eccesso di sebo.

L’ingrediente fondamentale è però la pazienza!! Non perderti d’animo se all’inizio i tuoi capelli non sono come li vorresti. Presto torneranno a risplendere come non hanno mai fatto in vita loro ;-)!

Buona rivoluzione!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *